Login/account

Scarpe leggere o ammortizzanti?

Condividi

Salve dott. Luca mi sento di ringraziarla per la sua esauriente risposta alla
mia e-mail pubblicata su Correre nel numero di agosto, ora devo proporle un altro quesito.
Devo cambiare le scarpe ormai consumate io porto le Brooks Glycerine A3 e
posso dire che mi trovo bene.
Un amico fisioterapista e podista mi ha consigliato le Brooks Launch A2
nonostante la mia tecnica di corsa non sia troppo corretta.
Lui sostiene che le A3 trattengono il carico con distruzione sicura delle ginocchia, che bisogna imparare a correre e lasciare andare tutto al suolo.
Ora sono confusa nella scelta delle scarpe più idonee per me considerando che io ho già qualche problema alle ginocchia.
Desideravo conoscere un suo spassionato parere in merito.
Nel frattempo la ringrazio per la sua disponibilità.
Cordiali saluti
Vanda 

Risponde Luca Speciani:

Le teorie sono molte, Vanda, e c’è chi è convinto che il piede debba essere liberissimo (ma a rischio di esporsi a danni tendinei o a microfratture), o al contrario chi pensa che l’ammortizzazione debba essere massimale. E’ chiaro che la scelta dipende dalla meccanica di corsa (una corsa pulita, leggera ed elegante neccessita di bassa ammortizzazione), dalla lunghezza di gara e relativa lentezza del passo (più lento e lungo, più ammortizzazione richiesta), dal peso dell’atleta (più alto il peso più ammortizzazione richiesta).
Conosco ed uso le Launch e mi ci trovo benissimo per gare o allenamenti veloci, ma se la meccanica non fosse perfetta e fossi più pesante e meno allenato, sarei più propenso a scegliere le adrenaline o anche altri modelli più supportanti.
Auguri e buona scelta
Dott. Luca Speciani
Medico chirurgo
OMCeO MB 3489

Altre lettere