Login/account

Cibi light: una bugia dalle gambe corte

Condividi

Chi pensa di dimagrire affidandosi alle promesse dei cibi light dovrebbe riflettere su qualche punto che rischia di pesare in maniera determinante sull’andamento del peso, a dispetto di un’assunzione di cibi a calorie quasi nulle.

L’intestino intelligente

Il primo elemento da considerare riguarda uno dei messaggi che le sostanze zuccherine passano alle cellule del tratto intestinale: lungi dall’essere un canale cieco e sordo, il nostro intestino è dotato di recettori in grado di percepire la presenza di dolcificanti all’interno del cibo ingerito. Riconoscere la presenza di zuccheri è un’informazione preziosa, subito utilizzata per varie funzioni, dallo stimolo alla secrezione di insulina al propagarsi del senso di sazietà per moderare l’immissione di altro cibo.

Zuccheri antichi e diavolerie moderne

Ma cosa succede se gli zuccheri ingeriti sono di tipo artificiale, come aspartame, saccarina o clicammati? L’evoluzione ha imparato nel tempo a riconoscere il dolce derivato dallo zucchero di canna, dalla barbabietola, dal miele o dal fruttosio. Ma l’avvento sul mercato dei dolcificanti artificiali coglie del tutto impreparato il nostro pur “intelligente” intestino, che non li riconosce e quindi non ne segnala la presenza. La conseguenza è che i messaggi di cui sopra (stimolo insulinico e stop alla ricerca di cibo) non vengono lanciati. In particolar modo viene alterata la normale sensazione di sazietà in risposta all’assunzione di cibo.

Ce lo dice Mickey Mouse

I ricercatori Susan Swithers e Terry Davidson delle Purdue University hanno condotto a tale proposito uno studio illuminante dal titolo “Artificial sweeteners linked to weight gain” del Febbraio 2008. Dopo aver diviso dei ratti in due gruppi si è differenziata la loro alimentazione, nutrendo il primo gruppo con yogurt zuccherato e l’altro con yogurt dolcificato alla saccarina. Dopo due settimane, a tutti i topi è stata fornita cioccolata in grande quantità e sono stati lasciati liberi di cibarsene a sazietà. Il comportamento a questo punto è stato identico nei due gruppi sotto osservazione. Ma al pasto successivo i topi alimentati con lo zucchero hanno mangiato in maniera normale, mentre il gruppo alimentato a saccarina ha continuato ad abbuffarsi senza limitazione. La loro capacità di valutare l’assunzione di cibo era quindi profondamente alterata dalla continua assunzione del dolcificante artificiale: un “falso segnale” protratto nel tempo aveva confuso il cervello, indebolendo il legame diretto tra dolcezza e sazietà e rendendoli quindi affamati a tempo pieno.

Per l’Uomo è lo stesso

Questa ricerca compulsiva di zuccheri innescata dall’assunzione di dolcificanti artificiali è stata riconosciuta anche sull’Essere Umano: la professoressa Lyn Steffen epidemiologa dell’Università del Minnesota ha condotto nel Gennaio 2008uno studio su 9500 tra uomini e donne, rilevando un rischio di sindrome metabolica (pre-diabete) superiore del 34% in chi beveva almeno una bibita “light” rispetto a chi non ne beveva. Altri studi condotti dalla Texas University hanno correlato l’assunzione quotidiana di una bibita light con un aumento del 41% del rischio obesità ed addirittura del 65% del rischio sovrappeso.
Insomma, pensando di limare qualche caloria ci troviamo a falsare i messaggi al nostro organismo: ancora una volta la lettura calorico-centrica si rivela perdente, mentre occorre lasciare intatti i segnali autentici che il nostro corpo sa come utilizzare con consapevolezza. Molte aree del nostro corpo sono intelligenti, riconoscono messaggi, li decodificano, li propagano secondo procedure collaudate e tese alla migliore risposta possibile. Sarebbe ora di smettere di considerare il cervello confinato nella sola scatola cranica, imparando a rispettare i ritmi ed i linguaggi che la natura ha affinato per noi nel corso della nostra evoluzione.
Il dolce della frutta, quello del miele, quello di tuberi, barbabietole e bacche è ciò che il corpo riconosce e sa gestire. Il resto è junk food.

Altri articoli

Sonno, sogno, insonnia

di Luca Speciani Dormire è un’attività naturale preziosa per la